• Marco Furchì

La leggenda della patrona di Tropea: perchè il 27 Marzo?

Ai tempi delle lotte iconoclaste si narra che il quadro rappresentante la Madonna patrona di Tropea, arrivò con un’imbarcazione proveniente da Oriente e di origine bizantina che era stata sospinta da una tempesta sino al Porto di Tropea provocando danni al mezzo. Da qui deriverebbe il nome Madonna della Romania.

Riparata l’imbarcazione, gli stranieri provarono a ripartire ma la nave non voleva saperne di lasciare gli arenili di sabbia bianca di Tropea e parallelamente nelle stesse giornate il Vescovo della Diocesi Tropeana aveva comunicato di aver ripetutamente sognato la Madonna che gli chiedeva di restare in quella che un giorno sarebbe diventata la sua dimora. Così appena il Vescovo ordinò di portare in terra il quadro la nave ripartì.

Anni dopo la Madonna ritornò in sogno al nuovo Vescovo, comunicandogli l’arrivo di un terremoto che avrebbe sconvolto la Calabria. Lo stesso Vescovo il 27 Marzo 1638 organizzò una processione di penitenza, che coinvolse tutta la cittadinanza di Tropea. Fu proprio durante la processione che avvenne la scossa di terremoto che, come da leggenda, non procurò danni e fece rimanere illesi gli abitanti di Tropea. Grazie a questo miracolo nacque una forte devozione di Tropea per questa Madonna, arrivando a proclamarla Protettrice e ricordandola ogni anno nel giorno 27 Marzo.


La leggenda tropeana in linguaggio dialettale della Madonna di Romania

  1. Fu ‘na navi levantina C’arrivata ‘na matina, Prima u sona Patannostru, Si fermò ‘nto mari nostru.

  2. Iri avanti non potia, No’ p’u carricu c’havia, Ma picchì ‘na forza ignota La tenia jà ‘nchiovata.

  3. Lu noccheri era divotu Ed a bordu havia ammucciatu Una ‘mmagini i Maria Nnamurata di Trupia.

  4. Non sapendu comu fari, Monsignuri iju a trovari Mu lu prega mu si pigghja Chiju quatru ‘i maravigghja.

  5. Monsignuri accunsentiu, O scuvatu si ndi iju, E chiamati i sacristani, Nc’issi u sonanu i campani.

  6. Com’i ntisiru sonari Già dassaru i faticari Tutt’i mastri e cu li gnuri Si ndi iru i monsignuri.

  7. ‘O fideli trupiani! Di li mari assai luntani E’ venuta cca Trupia La Madonna a Rumania’.

  8. Diss’u vispicu, cuntentu, E, pigghiatu ‘u sagramentu, Iru tutti a la marina Pi riciviri ‘a Divina.

  9. Li canonici e l’abbati, Cu li sindaci e Jurati, Camminavanu cuntandu E lu populu accordandu.

  10. Lu noccheri, cuntentatu, Chi lu quatru havi portatu, Stava o’ lidu ed attendia Recitandu: Avi, Maria!

  11. Arrivati ‘nfragu i mari S’indinocchianu a pregari Chi ja Vergini Mbiata Ch’a Trupia s’era fermata.

  12. Doppu chissu s’a portaru E la misiru all’altaru. Mentr’u vispicu cantava Tutt’u populu pregava:

  13. ‘O Madonna a Rumania Chi proteggi Tu Trupia, Alluntana i terrimoti, Pest’e fami e to’ divoti’ !


11 visualizzazioni
Contattaci:
+393317553104
Follow us
  • Bianco YouTube Icona
  • White Facebook Icon

Email: mfurchi94@gmail.com

Viale Don Mottola trav.11 89861 Tropea VV
P.iva 03754100794

© 2020 Site Web Powered by Gino Ferdinandi

Iscriviti alla nostra newsletter